venerdì 20 dicembre 2013

Schiller, Friedrich, Il corpo e l'anima. Scritti giovanili

A cura di Giovanna Pinna. Roma, Armando, 2012, pp. 128, euro 9, ISBN 9788866770411.

Recensione di Isabella Ferron - 25/06/2013

Il presente libricino, il diminutivo si riferisce solamente al numero di pagine, rappresenta un ottimo contributo allo studio dello scrittore svevo Friedrich Schiller, offrendo in traduzione italiana testi giovanili finora inediti e che si rivelano di fondamentale importanza per la comprensione dello sviluppo del pensiero successivo. Il lavoro di Giovanna Pinna risulta essere lodevole non solo per l'accurata e dettagliata introduzione che ci avvicina alla complessità concettuale di queste opere, ma anche per la traduzione

 chiara, pulita, e seppur in un italiano corrente, assai fedele all'originale tedesco di due secoli precedenti.
In questi scritti emerge la formazione di Friedrich Schiller alla Karlsschule di Stoccarda, dove, per volere del duca del Württenberg, Karl Eugen, era stato costretto a studiare medicina. Accanto a medicina, sempre per volere del duca, venivano impartiti insegnamenti di filosofia, antropologia e psicologia. Allo Schiller studente viene offerta quindi una vasta panoramica sulle discussioni teoriche allora in voga e, proprio questa formazione medico-filosofica, matura in lui un interesse per l'uomo, inteso nella sua struttura psico-fisica. Grazie all'influsso del filosofo berlinese Jacob Friedrich Abel, il cui insegnamento comprendeva elementi sensisti (da Locke a Ferguson), elementi della filosofia leibniziana, la riflessione sulla destinazione dell'uomo (p. 19) e sul pensiero dei materialisti francesi, Schiller si avvicina alla letteratura che diviene strumento di analisi e terreno applicativo dell'osservazione psicologica.
Nelle opere qui tradotte da Pinna, Schiller presenta i suoi interessi scientifici e il suo metodo di lavoro. Il testo Filosofia della fisiologia (Philosophie der Physiologie, 1779), che conclude i suoi studi alla Karlsschule, presenta una forte connotazione filosofica. Si tratta del primo testo della sua dissertazione, rifiutato dalla commissione per lo stile troppo disinvolto nel trattare le dottrine mediche del tempo. Di questo testo la versione integrale, redatta prima in tedesco e poi in latino, è andata perduta. Si tratta qui del capitolo iniziale della dissertazione, in cui Schiller riflette sulle diverse dottrine fisiologiche che riguardano il rapporto tra mente e corpo, partendo dalla proposizione metafisica della somiglianza dell'uomo con Dio: “Detto più brevemente e in un modo che suona più elevato alle nostre orecchie: l'uomo esiste per emulare la grandezza del suo creatore e per abbracciare il mondo con lo stesso sguardo con cui questi lo abbraccia – la somiglianza con Dio è la destinazione dell'uomo” (p. 18). Influenzato dall'ottimismo della Populärphilosophie, Schiller è da un lato convinto dell'immaterialità dell'anima, dall'altro pensa che la destinazione (Bestimmung) dell'uomo, ossia il raggiungimento della perfezione del suo essere, possa essere conseguito solo mediante l'accordo tra le sue attitudini spirituali e le leggi dell'universo fisico (pp. 21-23). Questa sua posizione gli permette da un lato di avvicinarsi, seppur in maniera critica, ai materialisti francesi (Helvétius e La Mettrie) che acquisteranno progressivamente maggior peso nel suo pensiero. D'altro canto egli subisce l'influsso di Adam Ferguson nell'avvicinarsi all'idea eudemonica che unisce la felicità alla comprensione del tutto (p. 19). Dopo questa introduzione Schiller analizza anche l'interazione tra anima e corpo concentrandosi sul sistema nervoso (pp. 26-27) e sul principio di irritabilità che egli deriva dal fisiologo svizzero Albrecht von Haller. Per Schiller, il superamento sia della concezione materialista sia di quella spiritualista di chiaro influsso leibniziano consiste nell'esistenza di una forza intermedia (Mittelkraft), di una forza mediatrice tra il corpo e la psiche, senza la quale “all'anima non giunge alcuna rappresentazione” (p. 25). I nervi sarebbero luogo di residenza di tale forza: “Io stesso sono giunto attraverso mille dubbi al fermo convincimento che la forza mediatrice risiede in un'entità infinitamente sottile, semplice, mobile, che scorre nei nervi [...]” (p. 27). Questa forza mediatrice, come ben fa notare Pinna nell'introduzione, prefigura l'orizzonte problematico in cui si muove Schiller: “la complessa interazione fra ragione e passioni, conoscenza ed emozioni che sta alla base delle tragedie e degli scritti estetici dello Schiller maturo” (p. 10). 
Il saggio successivo, Saggio sul rapporto tra la natura animale e la natura spirituale dell'uomo (Versuch über den Zusammenhang der tierischen Natur des Menschen mit seiner geistigen, 1780) costituisce la dissertazione con cui Schiller ottenne la laurea in medicina. A livello tematico questo saggio è strettamente collegato al saggio precedente; Schiller si occupa qui della necessaria influenza reciproca tra corpo e spirito. Considera fondamentale all'elaborazione della conoscenza e alla determinazione della volontà il contributo della dimensione sensibile-corporea: “il presente saggio si prefigge di mettere più chiaramente in luce il notevole contributo del corpo alle attività della psiche, il grande e reale influsso del sistema dei sensi animale sul sistema spirituale. […] l'attività dell'anima umana è – in base a una necessità che non ho ancora individuato e in un modo che ancora non comprendo – legata all'attività della materia” (p. 47-48). Qui Schiller riflette anche sulla filosofia delle passioni all'interno di una specie di storia naturale dell'individuo e del genere umano. Non mancano, accanto alle riflessioni mediche, riferimenti a opere letterarie, dai latini (Cicerone, Seneca, Ovidio, Virgilio) a Shakespeare, sino allo Sturm und Drang (Wilhelm von Gestenberg). Soprattutto in questo saggio emergono i motivi concettuali e gli influssi provenienti da discipline diverse che sono alla base delle teorie di Schiller (Lavater, Haller, Stahl sono alcuni tra i nomi nomi da citare). 
Il terzo testo proposto è quello delle Lettere filosofiche (Philosophische Briefe, 1786). Alla base di questo testo, concepito come romanzo epistolare, vi è la crisi personale, che rappresenta però anche la crisi di un'epoca: il crollo delle credenze religiose tradizionali sotto l'influsso della critica illuminista. Il motivo dell'amore (pp. 110-117), presente anche negli altri scritti, prende qui l'aspetto di un'amicizia intellettuale tra due giovani, Julius e Raphael. Julius, il più giovane, espone nella sua Teosofia di Julius (Teosophie von Julius) una visione entusiastica e ottimistica del mondo, messa in crisi dagli argomenti del razionalismo materialista. Le lettere fanno da cornice a questo testo, la cui tesi di fondo è quella dell'amore come legame universale e come attrazione tra gli esseri (p. 116). Ad esso è inscindibilmente collegata l'idea di un'infinita perfettibilità dell'essere umano e della sua destinazione al di là dell'esistenza fisica. A ciò si collega l'idea dell'immortalità dell'anima: secondo Julius la natura dell'uomo sarebbe diretta emanazione dell'essenza divina, ma, in questo modo, vengono poste in dubbio le questioni sociali ed antropologiche dell'idea dell'armonia tra corpo e anima, tra parte sensibile e intellegibile (p. 117). Le questioni di Julius rimangono sospese, prive di una chiara ed univoca risposta da parte di Raphael, soprattutto “riguardo alla possibilità di pensare in maniera rigorosa la conciliazione tra razionalità e sentimento” (p. 14). L'ulteriore sviluppo e un'analisi metodologica di queste questioni riuscirà a Schiller soprattutto grazie allo studio della filosofia di Kant, in mondo particolare della Critica del Giudizio (Kritik der Urteilskraft, 1790).
La peculiarità di queste traduzioni consiste nella capacità di Pinna non solo, come si è già accennato all'inizio, di saper rendere in un italiano corrente e fluido, testi redatti in un tedesco di fine Settecento, ma anche e soprattutto nella capacità di riferimenti incrociati e collegamenti tra i tre testi, che danno una visione d'insieme dello sviluppo del pensiero del giovane Schiller. Pinna ha redatto non solo un'introduzione chiara e precisa, ma anche un apparato critico grazie alle note al testo che risulta essere di grande aiuto per lo studioso del grande pensatore tedesco, ma anche per chi vuole avvicinarsi al suo pensiero.


Indice

Introduzione (Giovanna Pinna)
Nota ai testi
Filosofia della fisiologia
Saggio sul rapporto tra la natura animale e la natura spirituale dell'uomo
Lettere filosofiche
Nota bio-bibliografica

Nessun commento: