venerdì 27 marzo 2015

Denunzio, Fabrizio, Metamorfosi e potere. Il conflitto vitale tra Canetti e Adorno

Verona, Ombre Corte, 2013, pp. 142,  euro 13, ISBN 978-88-97522-60-7.

Recensione di Giovanni Basile - 25/02/2014

Tradendo le aspettative di una buona recensione, che riserva in genere i complimenti o le critiche per il finale, debbo da subito scrivere che l’operazione saggistica di  Fabrizio Denunzio in questo Metamorfosi e potere. Il conflitto vitale tra Canetti e Adorno mi ha colpito in modo del tutto positivo. L’idea del nostro Autore, docente di Sociologia della comunicazione radiotelevisiva e Sociologia dei processi comunicativi presso l’Università degli Studi di Salerno, di proporre una lettura sociologica dell’intervista radiofonica intercorsa fra Theodor L.

lunedì 23 marzo 2015

Sherratt, Yvonne, I filosofi di Hitler

Traduzione di Francesca Pé, Torino, Bollati Boringhieri, 2014, pp. 312, euro 24, ISBN 978-88-339-2513-4

Recensione di Maurizio Brignoli – 02/01/2015

Partendo dal presupposto che la filosofia sia un elemento chiave della cultura tedesca, il testo della studiosa inglese Yvonne Sherratt si propone di analizzare le posizioni di quel gruppo di intellettuali che gravitarono intorno a Hitler e le posizioni degli accademici ebrei e degli oppositori al regime, soffermandosi infine sul destino che accompagnerà le loro vite e le loro opere.
Nella prima parte Yvonne Sherratt va alla ricerca delle fonti filosofiche hitleriane e propone citazioni di diversi pensatori per evidenziare la componente antiebraica che avrebbe ispirato

venerdì 20 marzo 2015

Matteucci, Giovanni, L’artificio estetico. Moda e bello naturale in Simmel e Adorno

Milano-Udine, Mimesis, 2012, pp. 182, euro 16, ISBN 978-88-5751-408-6

Recensione di Alessandro Bruzzone - 19/04/2013

Dalla sua fondazione settecentesca ad oggi, l’estetica ha espresso una problematicità oltremodo ricca e stimolante. Nomen omen, il sostantivo che la designa, insieme paleonimia (un nome antico per qualcosa di nuovo) e neologismo, ha da subito sintetizzato un orizzonte ampio, debitore di maestri antichi ed insieme proiettato in un futuro indefinito, i cui oggetti d’indagine – naturali e artificiali senza soluzioni di continuità nette – sono caratterizzati da fluttuazioni metafisiche ed esistenziali tanto meravigliose quanto necessarie.

lunedì 16 marzo 2015

Scaratti, Marta, Albert Camus. Una introduzione

Firenze, Clinamen, 2015, pp. 94, euro 10,90, ISBN 978-88-8410-218-8.

Recensione di  Matteo Sozzi - 01/02/2015

Il libro vuole essere un’introduzione all’opera di Albert Camus, compito questo tanto rilevante e apprezzabile, quanto problematico e rischioso. Le pagine dello scrittore francese, infatti, da un lato hanno un tale indiscutibile valore letterario e filosofico da ben motivare un rinnovato interesse e una presentazione che ne evidenzi le tematiche e le questioni centrali. Dall’altro lato, tuttavia, non deve sfuggire la complessità di un autore che non si presta a essere compreso attraverso riduzioni e semplificazioni. Si pensi, ad esempio, a come Camus sia stato al contempo letterato e filosofo, 

venerdì 13 marzo 2015

Botti, Caterina, Prospettive femministe. Morale, bioetica e vita quotidiana

Milano-Udine, Mimesis, 2014, pp. 209, euro 18, ISBN 8857524833

Recensione di Denise Celentano - 15/04/2013

Il libro di Caterina Botti intende indagare il contributo della riflessione femminista nella filosofia morale e nella bioetica, rielaborando alcune delle idee contenute in Madri cattive (C. Botti, Il Saggiatore, Milano 2007). Quel che interessa l’autrice è, fra l’altro, la costruzione di un paradigma teorico sviluppato sul solco del pensiero femminista che risulti interessante per la teoria morale e sia applicabile alle questioni della bioetica, superando i limiti di molti approcci attuali. La tesi fondamentale di Botti è che la riflessione femminista sia importante

lunedì 9 marzo 2015

Natali, Carlo, Aristotele

Roma, Carocci, 2014, pp. 368, euro 24, ISBN 978-8843072873 

Recensione di Giulio Di Basilio – 07/11/2014

L'introduzione generale al pensiero Aristotelico è ormai divenuta un genere letterario, data l'abbondanza di volumi disponibili e l'autorevolezza degli studiosi che si cimentano in tale impresa. E di impresa si può giustamente parlare se si tiene presente la portata dell'autore in questione e la necessità, qualora si tenti di restituire l'intera produzione di Aristotele, di tenere presente le acquisizioni di una letteratura secondaria in perenne crescita e ingovernabile. Il prototipo di questa letteratura introduttiva su Aristotele nasce con il Ross del lontano 

venerdì 6 marzo 2015

Bertinetto, Alessandro, Il pensiero dei suoni. Temi di filosofia della musica

Milano, Bruno Mondadori, 2012, pp. 169, euro 16, ISBN 978-88-6159-658-0

Recensione di Davide Sisto – 10/09/2013

Talking about music is like dancing about architecture: non può che essere questa celebre sentenza di Frank Zappa, risalente a un’intervista del 1985, ad aprire il testo di Alessandro Bertinetto dedicato al rapporto tra filosofia e musica. Se forse il grande genio della sperimentazione rock anni ’60-’70 esagera nel ritener superflua ogni discussione sulla musica, è indubbio il carattere fortemente problematico insito in ogni indagine volta a spiegare  secondo schemi razionali – il significato intrinseco di una forma d’arte che, più di ogni altra, è stata protagonista – nel corso del XX secolo –

lunedì 2 marzo 2015

Bodei, Remo, Generazioni. Età della vita, età delle cose

Roma-Bari, Laterza, 2014, pp. 97, euro 14, ISBN 978-88-581-1102-4

Recensione di Tiziana Gabrielli - 14/11/2014

La crisi del welfare state ha determinato, specie negli ultimi anni, un radicale indebolimento dei legami sociali, modificando i rapporti di solidarietà e di fiducia tra le generazioni. Un pregevole contributo per un ripensamento storico-filosofico e sociologico sulle condizioni di possibilità per un nuovo patto, più equo e lungimirante, tra le generazioni ci viene offerto dal volume di Remo Bodei, articolato in tre sezioni: “Le tre età della vita”; “Generazioni” ed “Ereditare e restituire”.

venerdì 27 febbraio 2015

Febbraio 2015 - Numero 95

Marconi, Diego, Il mestiere di pensareTorino, Einaudi, 2014, pp. 160, euro 10, ISBN 978-88-06-21637-5. Recensione di Alessandro Bruzzone

Strata, Piergiorgio, La strana coppia. Il rapporto mente-cervello da Cartesio alle neuroscienzeRoma, Carocci, 2014, pp. 161, euro 12, ISBN 978-88-430-7364-1. Recensione di Maria Giulia Bernardini

Labinaz, Paolo, La razionalitàRoma, Carocci, 2013, pp. 182, euro 10,20, ISBN 978-88-430-6956-9. Recensione di Alessandro Bruzzone

Bonvecchio, Claudio (a cura di), Il mito dell'UniversitàMilano-Udine, Mimesis, pp. 186, euro 16, 978-88-5751-031-6. Recensione di Michele Savino

Chignola, Sandro, Foucault oltre Foucault. Una politica della filosofiaRoma, DeriveApprodi, 2014, pp. 205, euro 17, ISBN 978-88-6548-106-6. Recensione di Alessandro Baccarin

Lavecchia, Salvatore (a cura di), Istante. L’eperienza dell’illocalizzabile nella filosofia di PlatoneMilano-Udine, Mimesis, 2012, pp. 158, euro 18, ISBN 978-88-5751-234-1. Recensione di Marco Cavallaro

mercoledì 25 febbraio 2015

Lavecchia, Salvatore (a cura di), Istante. L’eperienza dell’illocalizzabile nella filosofia di Platone

Milano-Udine, Mimesis, 2012, pp. 158, euro 18, ISBN 978-88-5751-234-1.

Recensione di Marco Cavallaro – 12/09/2013

La natura dell’istante nella filosofia di Platone è al centro dei quattro saggi che compongono il volume curato da Salvatore Lavecchia, docente di Filosofia Antica presso l’Università degli Studi di Udine. Nella Premessa Lavecchia propone di considerare la nozione di istante “come una delle chiavi di lettura dell’opera e del filosofare platonici” (p. 9) dal momento che racchiude al suo interno una serie di tematiche ontologiche ed epistemologiche che figurano centrali per la comprensione del pensiero del filosofo ateniese.