mercoledì 20 maggio 2015

Fabris, Adriano (a cura di), Il pensiero ebraico nel Novecento

Roma, Carocci, 2015, pp. 343, euro 28, ISBN 978-88-430-7491-4.

Recensione di Marco Damonte – 27/03/2015

La presenza del pensiero ebraico è una costante durante tutta la storia della cultura occidentale e dunque la rilevanza di pensatori di origine ebraica nel secolo scorso viene assunta quale dato di fatto. In che cosa consista esattamente l’ebraicità di tale pensiero, se e con quali modalità esso abbia interagito con gli altri filoni della filosofia novecentesca, il grado della sua influenza rispetto alla cultura prevalente e il perché esso abbia una particolare importanza proprio nel Novecento sono invece interrogativi meno affrontati.

mercoledì 13 maggio 2015

Niola, Marino, Homo dieteticus. Viaggio nelle tribù alimentari

Bologna, Il Mulino, 2015, pp. 146, euro 13, ISBN 978-88-152-5413-9

Recensione di Gianmaria Merenda - 28/03/2015

Niola ci avverte fin dall’inizio del testo che l’intenzione antropologica è quella di indagare sul “tribalismo alimentare contemporaneo” (p. 9). Ciò accade, ed è certamente sotto gli occhi di tutti, perché il cibo è diventato l’ossessione del quotidiano per sempre più persone, grazie anche al notevole impegno dei media, nonostante in occidente il cibo sia fonte di malnutrizione, malattie cardio-circolatorie, obesità, diabete e altre malattie dovute ad un suo utilizzo eccessivo. Il proliferare di diete, passioni alimentari, costrizioni,

giovedì 7 maggio 2015

Aprile 2015 - Numero 97

Laudisa, Federico, Naturalismo. Filosofia, scienza, mitologia. Roma-Bari, Laterza, 2014, pp. XII+140, euro 16, ISBN 9788858112441. Recensione di Michele Paolini Paoletti

Kelsen, Hans, Religione secolare. Una polemica contro l’errata interpretazione della filosofia sociale, della scienza e della politica moderne come “nuove religioni”. Traduzione di P. Di Lucia e L. Passerini Glazel, Milano, Raffaello Cortina, 2014, pp. 392, euro 36, ISBN 9788860306876. Recensione di Antonino Scalone

Rossi, Roberto, Dal certo al vero. Per una esplicita fondazione metafisica del pensiero di Wittgenstein. Roma, Lateran University Press, 2014, pp. 188, euro 20, ISBN 978-88-465-0924-6. Recensione di Marco Damonte

Buongiorno, Federica, Logica delle forme sensibili. Sul precategoriale nel primo Husserl. Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2014, pp. 223, euro 24, ISBN 978-88-6372-704-3. Recensione di Marco Cavallaro

Bartocci, Claudio, Dimostrare l’impossibile. La scienza inventa il mondo. Milano, Raffaello Cortina, 2014, pp. 257, euro 23, ISBN 978-88-6030-712-5. Recensione di Rolando Ruggeri

giovedì 30 aprile 2015

Bartocci, Claudio, Dimostrare l’impossibile. La scienza inventa il mondo

Milano, Raffaello Cortina, 2014, pp. 257, euro 23, ISBN 978-88-6030-712-5

Recensione di Rolando Ruggeri – 07/02/2015

Il testo di Claudio Bartocci è una raccolta di cinquantasei brevi capitoli,  a volte nati da recensioni, altre volte da riflessioni scaturite dalla lettura di saggi o di articoli. Nella dettagliata bibliografia sono indicati in modo estremamente puntuale, capitolo per capitolo, sia i testi che hanno dato l’avvio alla riflessione sia gli strumenti che possono essere consultati per approfondire l’argomento. Una così precisa bibliografia è necessaria perché il testo apre una così grande quantità di scorci su personaggi, 

giovedì 23 aprile 2015

Buongiorno, Federica, Logica delle forme sensibili. Sul precategoriale nel primo Husserl

Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2014, pp. 223, euro 24, ISBN 978-88-6372-704-3.

Recensione di Marco Cavallaro – 07/03/2015

Logica delle forme sensibili della ricercatrice romana Federica Buongiorno costituisce senza dubbio uno dei più aggiornati volumi sulla fenomenologia di Edmund Husserl che hanno recentemente visto la luce in Italia. Benché si tratti di una rielaborazione della sua tesi di dottorato, discussa presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università “La Sapienza” di Roma sotto la supervisione di Francesco S. Trincia – anche lui tra l’altro noto al pubblico italiano per pubblicazioni dedicate al fondatore del movimento fenomenologico – il livello teoretico

venerdì 17 aprile 2015

Rossi, Roberto, Dal certo al vero. Per una esplicita fondazione metafisica del pensiero di Wittgenstein

Roma, Lateran University Press, 2014, pp. 188, euro 20, ISBN 978-88-465-0924-6.

Recensione di Marco Damonte – 10/02/2015

L’originalità di Wittgenstein, l’eccentricità del suo stile, le sue personali vicende biografiche e il lento incedere della pubblicazione dei suoi scritti, con le connesse scelte editoriali dei suoi curatori testamentari, sono tutti elementi che hanno influenzato la ricezione del pensatore austriaco nella storia della filosofia del Novecento, senza però alcuna garanzia che ciò avvenisse a prescindere da letture di parte, quando non addirittura ideologiche. L’interpretazione del pensiero wittgensteiniano ha conosciuto alti e bassi, tanto che questo 

lunedì 13 aprile 2015

Kelsen, Hans, Religione secolare. Una polemica contro l’errata interpretazione della filosofia sociale, della scienza e della politica moderne come “nuove religioni”

Traduzione di P. Di Lucia e L. Passerini Glazel, Milano, Raffaello Cortina, 2014, pp. 392, euro 36, ISBN 9788860306876 

Recensione di Antonino Scalone - 19/01/2015
  
La pubblicazione postuma di un’opera pone sempre dei problemi di tipo filologico, relativi alla sua redazione, al livello  di elaborazione in cui è stata lasciata dall’autore, all’importanza che può rivestire all’interno della produzione complessiva di questi. Tali problemi si acuiscono quando, come nel caso di Religione secolare, ci si trova di fronte a un testo compiuto e già consegnato all’editore e che all’ultimo momento, per motivi mai chiariti in modo esauriente, Kelsen ritirò, sottoponendosi per questo anche al

mercoledì 8 aprile 2015

Laudisa, Federico, Naturalismo. Filosofia, scienza, mitologia

Roma-Bari, Laterza, 2014, pp. XII+140, euro 16, ISBN 9788858112441

Recensione di Michele Paolini Paoletti - 31/01/2015

Il libro di Federico Laudisa sul naturalismo contemporaneo costituisce un’aggiornata esposizione critica di questo multiforme movimento filosofico. I lettori potranno confrontarsi con numerose figure che hanno animato e continuano ad animare il dibattito sul naturalismo, sia che si tratti di nuovi classici della filosofia occidentale (ad esempio, Quine), sia che ci si rivolga ad autori più recenti e poco conosciuti in Italia. Il volume restituisce una visione del naturalismo chiara, piuttosto esaustiva (soprattutto sul 

mercoledì 1 aprile 2015

Marzo 2015 - Numero 96

Bodei, Remo, Generazioni. Età della vita, età delle cose. Roma-Bari, Laterza, 2014, pp. 97, euro 14, ISBN 978-88-581-1102-4. Recensione di Tiziana Gabrielli

Bertinetto, Alessandro, Il pensiero dei suoni. Temi di filosofia della musica. Milano, Bruno Mondadori, 2012, pp. 169, euro 16, ISBN 978-88-6159-658-0. Recensione di Davide Sisto

Natali, Carlo, AristoteleRoma, Carocci, 2014, pp. 368, euro 24, ISBN 978-8843072873. Recensione di Giulio Di Basilio

Botti, Caterina, Prospettive femministe. Morale, bioetica e vita quotidianaMilano-Udine, Mimesis, 2014, pp. 209, euro 18, ISBN 8857524833. Recensione di Denise Celentano

Scaratti, Marta, Albert Camus. Una introduzioneFirenze, Clinamen, 2015, pp. 94, euro 10,90, ISBN 978-88-8410-218-8. Recensione di  Matteo Sozzi

Matteucci, Giovanni, L’artificio estetico. Moda e bello naturale in Simmel e AdornoMilano-Udine, Mimesis, 2012, pp. 182, euro 16, ISBN 978-88-5751-408-6. Recensione di Alessandro Bruzzone

Sherratt, Yvonne, I filosofi di HitlerTraduzione di Francesca Pé, Torino, Bollati Boringhieri, 2014, pp. 312, euro 24, ISBN 978-88-339-2513-4. Recensione di Maurizio Brignoli

Denunzio, Fabrizio, Metamorfosi e potere. Il conflitto vitale tra Canetti e Adorno. Verona, Ombre Corte, 2013, pp. 142,  euro 13, ISBN 978-88-97522-60-7. Recensione di Giovanni Basile

venerdì 27 marzo 2015

Denunzio, Fabrizio, Metamorfosi e potere. Il conflitto vitale tra Canetti e Adorno

Verona, Ombre Corte, 2013, pp. 142,  euro 13, ISBN 978-88-97522-60-7.

Recensione di Giovanni Basile - 25/02/2014

Tradendo le aspettative di una buona recensione, che riserva in genere i complimenti o le critiche per il finale, debbo da subito scrivere che l’operazione saggistica di  Fabrizio Denunzio in questo Metamorfosi e potere. Il conflitto vitale tra Canetti e Adorno mi ha colpito in modo del tutto positivo. L’idea del nostro Autore, docente di Sociologia della comunicazione radiotelevisiva e Sociologia dei processi comunicativi presso l’Università degli Studi di Salerno, di proporre una lettura sociologica dell’intervista radiofonica intercorsa fra Theodor L.